Finalmente a casa, anima inquieta: il tempo è dalla tua parte.

Finalmente a casa, carne straziata da un dolore senza fine.

Non ci sono confini: questo è il punto di arrivo e di inizio di una vita nuova nella quale ti sei appena immersa.

Tutto si mescola e cambia forma di continuo, dentro il fluire vivido delle nostre anime in subbuglio.

Lascia che sia – ho pensato in una delle tante giornate uggiose del passato: peggio di così non c’è altro.

Perchè non io? Perchè non a me?

Tante domande e nessuna risposta.

Ho messo un passo dopo l’altro e per stanchezza sono inciampata nell’acqua.

Acqua che tutto cancella e che non lascia traccia.

Acqua che toglie tutto il buio e che ti abbraccia.

Sorridendo all’ennessimo sgambetto della vita non ho più sentito le mie ferite antiche.

Sorridendo alla vita ho iniziato a sentire me stessa e da allora non ho più smesso.

Dentro il movimento circolare del mio respiro ho visto tutta la luce che mi ero persa.

Sono dentro le cose, nel bene e nel male: ora non scappo più.

Mi lascio guidare dalla mia energia, dentro il mio ritmo vitale, carne su acqua, fino alla fine.

Sono nel mio elemento naturale e accolgo la buona e la cattiva sorte con la stessa pienezza di cuore.

IslBG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *