Va tutto bene: sto solo riflettendo sul senso della mia strana esistenza.

Va tutto bene: non preoccupatevi di me, se non mi trovate lì dove dovrei stare.

Ci sono giorni che si trascinano stancamente portandosi appresso le settimane e i mesi.

Nulla è come appare.

Sono viva nonostante tutto, anzi nonostante il niente.

Nasce proprio così questo desiderio, tutto mio, di rintanarmi nelle mie quattro mura, dentro tutti i pezzi della mia vita.

Mi trovi tra un libro e una canzone, in mezzo a due fotografie, dentro i miei appunti di lavoro.

Sono ben oltre il visibile.

Non possiamo fare come da bambini, quando ci nascondevamo ovunque sperando di non essere visti o di essere visti di più?

Sei diventata adulta e se ti nascondi così tanto e così a lungo finisci con lo scomparire anche a te stessa.

La zona di c0nforto nella quale ti sei rifugiata alla lungo diventa la tua trappola mortale: almeno apri una finestra.

Apri le tende e sei sul palcoscenico anche se non lo hai deciso con consapevolezza.

Giocatelo bene questo spettacolo nel quale sei regista e attrice principale: non credo ci saranno repliche.

E’ proprio su quella comoda poltrona che puoi iniziare a scrivere gran parte del tuo copione: devi solo iniziare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *