Una giornata autentica è quella che dà voce alla nostra libertà.

Una giornata autentica è la nostra unica possibilità di sopravvivenza.

Tu come stai, mostrando soltanto la maschera che piace agli altri?

Non c’è scambio e non c’è linfa vitale se le aspettative che assecondi non sono le tue.

Una regola non detta, quando arriva l’estate, impone una forma armonica e tanta asciutta sobrietà.

Quando ti scopri, ancora una volta, al di fuori da canoni imposti dall’alto, che fai resti o vai via?

Ho deciso, io resto e cerco anche le giuste compagnie: da soli non si va da nessuna parte.

Quando il caldo picchia forte sulla spiaggia,

Quando non c’è una via altra per la serenità del cuore,

Quando ti pervade la necessità di guardare negli occhi solo chi va ben oltre la necessità di approvazione,

puoi decidere di portare nel mare il tuo gruppo di felicità e restare a mollo a respirare il mondo.

Noi abbiamo lottato con tutti gli strumenti che avevamo a disposizione,

Noi abbiamo seguito i diktat imposti dalle riviste,

Noi ci siamo nascoste pur di non mostrare l’abisso che ci separava dal nostro ingrato obiettivo.

Una mattina, del nostro futuro, però, ha bussato alla porta una flebile aria di consapevolezza e una decisa voglia di vita reale.

Non abbiamo avuto alcun dubbio: è arrivato il momento di goderci la vita così com’è, finchè c’è.

Ci è passata una massima di Seneca per la testa: “non possiamo dirigere il vento ma possiamo orientare le vele”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *