Quando sto per scomparire provo a raccogliere tutte le mie forze.

Quando sto per scomparire faccio finta che sia iniziato un nuovo gioco.

Sono in questo gioco nel quale le regole le scopro solo continuando a camminare.

Infilo un passo dietro l’altro e non penso al pericolo nel quale sono inesorabilmente caduta.

Ho voglia di affrontare questa sfida nuova e ho ancohe voglia di vincerla.

Un respiro profondo e un sogno ad occhi aperti mi aiutano a vedere le cose da un punto di vista nuovo.

Devo assolutamente trovare una prospettiva diversa per non annegare.

Voglio soltanto andare avanti.

Sono entrata in un videogames, me ne convinco, e vincerò il premio solo dopo aver superato tutti gli ostacoli.

Ma a chi appartiene la mente perfida che dissemina tutti gli ostacoli mimetizzandoli abilmente lungo il cammino?

Cerco l’energia in un profumo nuovo o dentro un colore inaspettato: sarà questa energia a dirigere il mio gioco.

Io sono questo profumo che sento sulla mia pelle e sono anche questo colore che è entrato nei miei occhi.

Magicamente io divento il mondo che vedo da sola, mentre tutti gli altri sono impegnati nella loro quotidianeità.

Alla fine lo so che non scomparirò, però la paura è sempre alta e la tensione non va mai via.

One Response to Quando sto per scomparire con Jasper Tejano

  1. Jasper Tejano ha detto:

    Good day Federica. Your article/essay is powerful and emotional.Thank you for sharing your talent. I am honored that you chose my street photograph to express your thoughts. I will always be thankful for this opportunity. I wish you all the best.
    Cheers. – Jasper Tejano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *