Siamo sospesi, restiamo vicini: da soli non si va lontano.

Siamo sospesi, restiamo vicini: ci siamo scelti una posizione scomoda, ma era l’unica.

Oltre la nostra vita c’è la vostra che si nutre in modo diverso e non guarda mai la linea dell’orizzonte.

Un giorno ci siamo staccati dalla massa informe di carne che eravamo diventati e siamo andati avanti, oltre, in alto.

Non siamo più tornati indietro dopo aver scoperto il nostro nuovo punto di osservazione: oggi guardiamo verso l’irragiungibile.

Fa freddo e siamo stanchi e poi nulla sta dove dovrebbe stare.
Questa nostra nuova vita è piena di sfide decisamente creative.
Non scenderemo, non ci sposteremo.
Restaremo qui a guardare le nuvole e le stelle per tutto il tempo che ci sarà dato avere.
Il tempo passato lo lasceremo alle spalle senza rimpianti e senza nostalgia.
Nasciamo oggi in questa nuova insolita dimensione spaziale che non è più come la vostra.
Tutto è ancora da scoprire e tutto è ancora da costruire.
Le radici antiche ci offrono la sicurezza di cui abbiamo bisogno per spingerci, con giovane incoscenza, verso la sconosciuta leggerezza.
E’ tempo di osare l’inosato.
E’ tempo di abbracciare i nostri sogni senza paura di cadere.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *