Voglio poter fuggire: non lasciatemi in questa terra di fuoco che non mi appartiene più.

Voglio poter fuggire da tutta questa ferocia che ha cancellato la mia vita, lasciandomi vagare senza alcuno scopo.

Avete innalzato dei muri alti e spessi intorno alla mia terra e vi siete girati dall’altra parte fingendo di non sapere cosa ci accade.

Dov’è andata a finire l’umanità che ho visto in tempo di pace?

A cosa serve lasciar correre sempre, senza contribuire mai a costruire un nuovo segno di pace?

Così, anche oggi, mi ritrovo a combattere per il mio diritto alla vita: non ho aiuti nemmeno da chi mi passa accanto, perchè, da noi, oramai, non c’è tempo e non c’è spazio per altre vite.

Avevo dei sogni per il mio futuro e oggi mi ritrovo a non avere nemmeno più i sogni: questa terra è diventata troppo arida.

Devo fare qualcosa, mi sento in trappola: sono una vita in cerca di altra vita.

Ho solobisogno di un contatto umano e di poter unire tutti gli anelli di questa catena che ci spingerà oltre i confini di morte e di gelo nei quali questo tempo ci ha riunchiuso.

Ho solo bigono di vedere una nuova alba e di un abbraccio che mi rassicuri.

INDONESIA. Tsunami.

INDONESIA. Tsunami.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *