Labyrinth – dove tutto è possibile è il film protagonista della rubrica Sunday Moments, uno spazio dedicato all’immaginazione con video, film, libri, fotografie e opere d’arte.

Labyrinth, diretto da Jim Henson nel 1986, è un film fantasy ambientato (per la maggior parte) in un labirinto.
La protagonista deve superare prove e tranelli per raggiungere il fratellino rapito da Jareth il re dei Goblin, interpretato da David Bowie.
Calzamaglia grigia e pettinatura anni ’80, una schiera di pupazzi goblin, un castello ricco di scale che contro ogni logica della fisica si intersecano tra loro come in un quadro di Escher. Questo è il regno del re Jareth.

Il rapimento del piccolo Toby, fratellastro di Sarah – interpretata da Jennifer Connelly – è in realtà un gesto d’amore, un amore che non segue le logiche umane, ma che in modo sublime si insinua nella vita di Sarah e la pone di fronte a nuovi interrogativi e grandi scelte.

Che cos’è l’amore?

Jareth risponderebbe: possessione, completa devozione.

Sarah alla fine del film esclama: La mia volontà è forte come la tua e il mio regno altrettanto grande. Non hai alcun potere su di me!

Un film per bambini ed adulti con tanti messaggi, uno tra tutti: l’amore non è oppressione e ricatto, l’amore è indipendenza. E per una volta tanto non vissero felici e contenti. Per fortuna (o forse no?).

labyrinth

La colonna sonora è composta dai pezzi strumentali di Trevor Jones e da cinque canzoni di David Bowie tra cui As The World Falls Down usata nella scena del ballo.

To D. B. , too much perfect for this world.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *