Dopo aver lavorato come fotografo commerciale per quasi trent’anni, il britannico Nicholas Sack ha cominciato a dedicarsi a progetti personali, scattando evocative fotografie in bianco e nero, sviluppate poi nella sua camera oscura. Lost in the City è il suo secondo libro, e racconta dell’alienazione che è possibile osservare nelle strade di una grande città come Londra, in una sorta di commentario sull’ambiguità morale del moderno capitalismo.

HMP_LostintheCity_Cover_grandee6c4d145c777c8d12e73cf0b11f9e8a6eca207ff_840973aefcf5f97a757633de2a2a19d4291d3f89d76_840247cd89cc9353a49dba102a026df3ae0d478bc5b_84036b48e004b1d0e7ae7246cbb2a1b9fa621d74551_840

Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *